Apple naviga a vele spiegate. Le sue azioni negli ultimi sei mesi sono cresciute costantemente, e alla fine dell’anno fiscale 2019, appena trascorso, le entrate provenienti dalla vendita di servizi hanno raggiunto la seconda posizione all’interno dell’azienda, dietro solo all’iPhone.

Nell’ultimo rapporto pubblicato dal NASDAQ, si evince che la vendita dei servizi Apple  ha segnato una crescita del 21% negli ultimi 5 anni rispetto al 7% dell’iPhone. Per raccogliere questi dati l’agenzia ha operato con le poche cifre che Apple fornisce all’esterno, e ha calcolato il reddito generato dalla vendita dei servizi, 46.000 milioni di dollari.

Steve Jobs apple store

LEGGI ANCHE:

6 Cose da non fare quando vendi il tuo iPhone

Crash Bandicoot, presto sui device iOS e Android

Numeri da capogiro che indicano la potenza di Apple oggi. La fonte principale di reddito della vendita dei servizi è l’App Store,in grado da sola di generare  proventi per 15.000 milioni, al secondo posto le licenze Apple con 10.000 milioni e al terzo posto diversi servizi offerti dalla Apple Inc. tra i quali Apple Care.

Nel rapporto del NASDAQ si denota un aumento del fatturato dei servizi Apple che potrebbero raggiungere quota 89 miliardi entro il 2025, sulla base dell’attuale crescita in atto. Con quel volume di fatturato, e supponendo che i margini di profitto di Apple rimangano gli stessi per i prossimi 5 anni, la Mela Morsicata potrebbe guadagnare 56 miliardi netti dalla vendita dei servizi.

Confrontando questo dato con il restante utile netto dell’iPhone (essendo l’iPhone di circa il 32%, contro il 63% dei servizi) si può affermare che entro il 2025 il volume di utile netto dei servizi avrà superato di quasi i 3 miliardi di dollari quello dell’ iPhone.

In cinque anni abbiamo potuto vedere come i servizi sarebbero stati la cosa più importante per Apple, anche prima dell’iPhone.

Grazie agli smartphone più longevi e utenti meno disposti a sostituire i propri dispositivi ogni anno, Apple è stata in grado di ampliare la propria offerta di servizi consentendogli così da essere meno dipendente dalla vendite dell”iPhone. Cosi facendo, anche se i loro dispositivi non genereranno altrettanti profitti, la vendita dei servizi continuerà a crescere nel tempo, garantendo un futuro roseo.

Se l’articolo ti piace condividilo. Se ti fa riflettere, commentalo. Se non ti piace, passa oltre. Se puoi linkarlo, fallo !

Se ti va unisciti a noi su Facebook, Twitter, sul nostro canale Telegram e  Flipboard.

Follow @TwisterAndroid

Huge love for Apple

0 0 vote
Article Rating
Loading spinner
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments